/>

Giorgia Benusiglio - prevenzione droghe

Giorgia Benusiglio - prevenzione droghe Giorgia dopo la sua terribile vicenda va nelle scuole di tutta Italia a parlare con i ragazzi per far comprendere i rischi legati all'assunzione di droghe
(412)

Giorgia Benusiglio è nata a Milano il 27 luglio 1982,si è diplomata in lingue è laureata in scienze della formazione primaria all'università Cattolica del Sacro Cuore di Milano con la tesi psicologia della famiglia "relazioni e comportamenti a rischio in adolescenza"(110 e lode) Dopo che nel 1999 è stata miracolosamente salvata da un trapianto di fegato per aver assunto una piccola quantità di ecstasy, ha deciso di trasformare la sua esperienza in una lezione di vita, informando e parlando ai ragazzi dei rischi legati all' assunzione di droghe. Inizialmente con il padre e ora da sola ,da più di 10 anni, svolge un'attività di prevenzione raccontandosi nelle scuole perché il suo errore possa evitare quello di qualcun'altro, per dare ai giovanissimi quella giusta informazione che lei non ha avuto. Il forte impatto mediatico che ha avuto la sua storia l'ha portata negli anni ad essere ospite in parecchi programmi televisivi come Matrix, Verissimo, Studio Aperto, Anno zero, Maurizio Costanzo show, Uno mattina, Racconti di vita, più volte ospite a Pomeriggio 5, Mattino 5 nel 2012 intervistata a Domenica In e a la 7 nel programma Cristina Parodi live e nel 2013 ospite con uno stupendo servizio a Le Iene e ultimamente su rai3 nel programma Presa Diretta, Funamboli di Alessandro Milan,Forum condotto da Barbara Palombelli, intervistata ad Uno Mattina da Franco Del Mare e Giancarlo Magalli a I Fatti Vostri a Rai2 e tanti altri ( Rai1, Rai2, Rai3, Rete4, Canale5, Italia 1,Raisat 2000,RetaA,Telecity è più di una decina di reti private) cercata anche dai programmi radiofonici ( Radio 24 Alessandro Milan "28 minuti" Barbara Palombelli, Radio Costanzo "questa casa non è un albergo", Radio 007 "droghe sintetiche", Radio gioventù, RSI radio svizzera rete3 "baobab sotto tiro", RSI radio svizzera rete1 "mille voci" intervista di Mirella de Paris in "diventare adulti di botto e molte altre trasmissioni ) inoltre la sua storia è spunto di riflessione nel libro "Non sprecate" di Antonio Galdo. Nel 2008 è stata invitata come testimonial ad inaugurare con la sua storia il portale on line del Ministero della Gioventù, guidato da Giorgia Meloni.(http://www.gioventu.it//) Ormai davvero numerosissime le scuole e i comuni di vari regioni d'Italia che richiedono un suo intervento e, non riuscendo purtroppo ad accontentare proprio tutti,e per far arrivare il messaggio a quanti più giovani possibili,ha deciso di scrivere un libro in collaborazione con Renzo Agasso dal titolo "Vuoi trasgredire?Non farti!" Edito da San Paolo, presentato nel 2010 al Bobino club di milano (Locale milanese molto conosciuto,che il suo proprietario è orgoglioso di ritenere drug-free),con il patrocinio del ministero della Gioventù, presentato da Fabiola de Clercq( presidentessa ABA ) e Alessandro Milan( radio24 ) e con il prof.Luciano de Carlis e il prof. Andrea de Gasperi , i medici che l'hanno seguita, 2 luminari in campo medico e dei trapianti. È stata invitata a Geometrie sonore ( Repubblica di San Marino ) e Atreju nel 2010, alla festa del partito democratico di Arenzano nel 2011, a tenere una conferenza per la Giunta del Castello di Domagnano con udienza dei capitani reggenti ( Repubblica di San Marino ). Ha partecipato al Wefree di San Patrignano nel 2012 e agli incontri del progetto di prevenzione Wefree nel 2013 e nel 2015 sempre per Sampa al forumio Ha tenuto conferenze sponsorizzate dalla Confcommercio per le scuole di Verona , per l'AVIS di Terni , per l'AIDO, ha partecipato a incontri con Don Mazzi, Andrea Muccioli e Marco Confortola nel 2013 è stata relatrice assieme a Gherardo Colombo, Riccardo Gatti e Alessandro Calderoni al workshop "ScelgoIO" al centro congressi della provincia di Milano presentato da Paola Brodoloni, presidente di Cuore e Parole Onlus ed è protagonista di numerose iniziative anche a livello internazionale. Difatti ,anche la giunta di castello Domagnano,( Repubblica di San Marino ) con il Patrocinio della Segreteria di stato per la cultura,l'università e l'associazione Musicale Bluesmobile,in collaborazione con le Scuole Medie Inferiori politiche Giovanili e della segreteria di stato per la sanità e la sicurezza sociale, previdenza, famiglia e affari sociali, pari opportunità, ha promosso nel 2011 un iniziativa volta alla sensibilizzazione dei giovani sul problema della droga, nella convinzione che l'azione pratica sia la più efficace. Nel 2010 dopo essersi laureata in "relazioni e comportamenti a rischio in adolescenza" ha iniziato a fare incontri serali con i genitori, perché ha capito che fosse importante dare le corrette informazioni, ma soprattutto, che si potesse creare un 'occasione dove il confronto e lo scambio, possano essere le basi per una crescita del soggetto che vi partecipa. Nel maggio 2012 è stata per la prima volta invitata in Svizzera all' incontro organizzato da Anna Caldelari e Carmela Fiorini ( con il sostegno di Soroptimist International Bellinzona e Valli e la Fondazione Damiano Tamagni) con i ragazzi delle scuole medie di Giubiasco,e alla conferenza pubblica nel aula magna delle scuole nord di Bellinzona ,anticipata dalla presentazione del libro presso la libreria Taborelli di Bellinzona. Sempre nel 2012 è stata poi relatrice al congresso "L'antigrido i volti della sofferenza giovanile" tenutosi alla clinica Santa Croce di Orsellina(ch)e nel 2013 ha sostenuto una conferenza nell'aula magna della scuola di Barbengo ( Lugano ) Nel 2014 in un incontro con 900 studenti organizzato dal LIONS Club di Prato è stata insignita della più alta carica di onorificenza (Melvin Jones Fellow) nel mondo all interno della fondazione internazionale LIONS. Nel 2015 ha iniziato una collaborazione con lo psicologo Dott. Angelo Aparo, coordinatore e fondatore del progetto "Gruppo della trasgressione" che dal 1997 all'interno delle carceri di Opera, Bollate e San Vittore, svolge un attività' di recupero del condannato attraverso delle sedute di gruppo settimanali, tra carcerati, psicologi e tirocinanti che attuano un percorso di riabilitazione personale attraverso l'esternazione di diverse problematiche sociali e personali per poi poter incontrare le scuole di Milano e dintorni per svolgere un ruolo di prevenzione verso il bullismo e i comportamenti devianti. Sempre nel 2015 con il CIOFS di Livorno ha iniziato a svolgere incontri educativi e formativi per insegnanti, educatori e formatori del settore che hanno a che fare con gli adolescenti, per confrontarsi sul tema "Accompagnare i giovani verso l' adultita' ". A giugno 2015 in concomitanza con l'evento EXPOP realizzato dall'associazione "vivaio" il progetto di Giorgia" Re-Starting Milano "è entrato a far parte dei 14 progetti scelti per rendere Milano una città migliore. Il progetto è stato presentato pubblicamente a "Palazzo Reale" ,al Vivaio Riva e nel nuovo Palazzo della Regione Lombardia. Si vuole proporre una nuova materia scolastica tra quelle delle medie e delle superiori, “Educare alla vita”. L'obiettivo, è quello di fornire alle nuove generazioni, gli strumenti necessari per acquisire una maggiore autoefficacia, autostima e fiducia in se stessi. La leva del progetto consiste nel potenziare le abilità cognitive, emotive e relazionali di ogni individuo in difficoltà, trasformando il problema da nemico da sconfiggere in occasione di crescita, attraverso modalità di reazione ottimali. Dopo i tragici avvenimenti dell'estate 2015,come la morte di un giovane adolescente per uso di MDMA, Giorgia ha organizzato insieme al gruppo Cocoric (il locale italiano più famoso al mondo) la prima serata di prevenzione ed informazione contro l'uso delle sostanze stupefacenti in una discoteca...creando così, un evento senza precedenti,seguito da reti televisive nazionali e non,e con 80.000 visualizzazioni durante la diretta streaming sul canale Cocoric su YouTube. Un evento, dove vi è stata la partecipazione di molteplici realtà,quindi per la prima volta si è vista la collaborazione tra il mondo della notte e del divertimento con quello delle istituzioni e con coloro che lavorano nel campo della prevenzione alle droghe. Nel 2015 ha creato una rubrica all' interno del periodico mensile "Ben Essere", dove affronta tematiche relative alle dipendenze e alle problematiche giovanili spesso riscontrate nel periodo di crescita verso l'adultità, affinché famiglie riescano a sentirsi supportate, informate e di conseguenza più vicine ai propri figli e alle loro esigenze adolescenziali.Inoltre, questa rubrica è stata fatta anche per i giovani, affinché possano avere una corretta informazione sulle sostanze stupefacenti, ma soprattutto possano comunicare con Giorgia aprendosi e parlando delle proprie problematiche sentendosi così appoggiati e trovando in lei una valida guida per una crescita sana ed equilibrata. Nell'ottobre del 2015 ha ricevuto il premio "libertà Parmigiana" (un importante premio di Parma già assegnato tra l'altro alla premio Nobel per la pace Shirin Ebadi) per essere la principale testimonial Italiana della lotta alla droga. Sempre nel 2015 ha stretto una collaborazione con il SILB, voluta fortemente dal presidente nazionale Maurizio Pasca per poter riportare i giovani ad un divertimento sano, tramite la creazione di campagne di informazione e prevenzione all interno dei locali da ballo e collaborando con le istituzioni per creare una rete collaborativa che coinvolga forze dell'ordine, gestori dei locali, associazioni e sindacati; con l'idea che tutti uniti si possa fare davvero qualcosa di concreto.... Da qui nasce l'idea insieme all'On Giorgia Meloni e l'On Carlo Fidanza di redarre una nuova proposta di legge che dia gli strumenti necessari ai gestori dei locali per poter contrastare l'uso e lo spaccio delle sostanze nelle discoteche. A fine 2015 la decisione di trasformare la sua storia e il suo operato in un docufilm "Giorgia Vive", che va a toccare varie tematiche sociali, tra le quali la pericolosità delle droghe, anche con una singola assunzione, l'importanza

Giorgia Benusiglio è una ragazza che, qualche anno fa ha rischiato la vita per aver preso mezza pasticca di estasy. Grazie ad un trapianto di fegato, Giorgia è tornata ad una vita quasi normale e ha deciso di trasformare la sua esperienza in una lezione di vita. Da piu' di 12 anni si dedica al suo progetto di prevenzione giovanile attraverso l'informazione nell'ambito delle droghe girando per le scuole e piazze di tutta Italia. Nel 2010 ha scritto un libro "Vuoi trasgredire? Non farti!" (ed.San Paolo) per far conoscere la sua storia a piu' persone possibili...Perchè tutti sanno che la droga fa male, ma quanti sanno che anche solo con mezza pastiglia di estasy si puo' morire?

Missione: Giorgia da ormai piu' di 12 anni gira per le scuole e piazze di tutta Italia per fare prevenzione giovanile nell'ambito delle droghe attraverso una corretta informazione.

Grazie per l'incontro,per le parole spese per noi. Immagino non sia facile per te tornare indietro sempre ogni volta. Ci...
10/01/2019

Grazie per l'incontro,per le parole spese per noi. Immagino non sia facile per te tornare indietro sempre ogni volta. Ci hai trasmesso quella voglia di pensare, ci hai insegnato cosa voglia dire essere responsabili, ci hai insegnato cosa voglia dire essere liberi.
Avrò cura di splendere, promesso.

Un ringraziamento speciale va all’Engim di Vicenza. ♥️

“Si, la droga fa male e può anche uccidere, ma davvero abbiamo solo questo argomento per far comprendere ai ragazzi c...
09/01/2019

“Si, la droga fa male e può anche uccidere, ma davvero abbiamo solo questo argomento per far comprendere ai ragazzi che dobbiamo starne lontani?”
Io rispondo così: non con una predica generica sul valore della vita, sulla bellezza di impegnarci nelle cose belle, nell’amicizia, nello sport... sulle cose che possiamo scoprire e imparare, sull’amore... No. Io rispondo che ogni frammento di una persona fisica è prezioso e che combattere per la vita è la sfida più alta. Rispondo che pensare agli altri, a tutti gli altri, a cominciare dai perfetti sconosciuti che vogliono vivere come me, è un motore che ti spinge fuori da te stesso, verso un mondo al quale puoi dare il tuo contributo con ogni parte di te.
La donazione, la morte sfidata e in parte smentita: sono pensieri che purificano, che fanno crescere, che danno la carica.
#iononsmetto

2018: 90 mila persone incontrate, 90 mila cuori accarezzati, altrettante persone abbracciate... Ad ogni stretta data ho ...
31/12/2018

2018: 90 mila persone incontrate, 90 mila cuori accarezzati, altrettante persone abbracciate... Ad ogni stretta data ho ricevuto la forza necessaria per andare avanti, per continuare... perché quando ti abbracciano, a differenza di quanto si possa pensare, non ti stanno rompendo ma aggiustando... finché ci sarete #iononsmetto
E che questo 2019 mi faccia ricevere un’infinità di abbracci 🤗 🔥🔥🔥

PER VOI ♥️ UN GRAZIE NON SAREBBE SUFFICIENTE...Devo condividere con voi questa cosa, non posso farne a meno.Continui...
20/12/2018

PER VOI ♥️ UN GRAZIE NON SAREBBE SUFFICIENTE...
Devo condividere con voi questa cosa, non posso farne a meno.
Continuiamo a ricevere telefonate di persone che hanno organizzato incontri con noi negli anni passati, che si stanno prodigando per rendere partecipi tutti gli istituti che conoscono o contattano altre persone per arrivare a coinvolgere più scuole possibili per il progetto cineEducando... ragazzi, siete tantissimi!!!
È una cosa meravigliosa, non avete idea di cosa io e Beppe stiamo respirando: unione, passione, rete, condivisione e voglia di esserci.
Sento che ho davvero seminato tanto in questi anni, me lo state dimostrando con i fatti... perché mi state supportando tanto in questo progetto a tal punto che potrei proprio dire che sta diventando vostro! Credete in me, nelle mie potenzialità, nel mio messaggio, in quello che faccio e dico... avete imparato a conoscermi, mi volete bene... ed io voglio bene a voi.
Ma torniamo a voi:
Siete grandi! Non potete capire come mi senta amata... e non avete idea di che casino faremo!!! Ci faremo sentire, eccome se ci faremo sentire...
Con amore, unione, condivisione e rete collaborativa stiamo facendo una cosa molto grossa. Probabilmente neanche voi vi state rendendo conto di quanto grande sia. Ma va bene così... resteremo tutti a bocca aperta quando avverrà il grande giorno, ma soprattutto ci sentiremo parte di un tutto...
Siamo famiglia e con amore cambieremo il mondo.
La vostra Giorgia

Non ho respirato per tre ore per paura di perdere un tuo solo sguardo, un tuo solo gesto... mi hai rapito portandomi in ...
19/12/2018

Non ho respirato per tre ore per paura di perdere un tuo solo sguardo, un tuo solo gesto... mi hai rapito portandomi in un altro mondo, non tanto bello ma che bisogna conoscere per sopravvivere.

La vita è nelle vostre mani, fatene un capolavoro!!! #iononsmetto
18/12/2018

La vita è nelle vostre mani, fatene un capolavoro!!!

#iononsmetto

Ciao giorgia , scusa se ti disturbo, ma volevo dirti una cosa che per imbarazzo e timidezza non sono riuscita a dirti og...
17/12/2018

Ciao giorgia ,
scusa se ti disturbo, ma volevo dirti una cosa che per imbarazzo e timidezza non sono riuscita a dirti oggi alla fine dell’incontro.
Io ho i genitori separati da quando sono nata e questa estate ho avuto modo di scoprire che una delle cause della separazione dei miei era proprio la droga perché mio padre si faceva di non so quale droga pesante.
Avevo paura che un giorno avrei accettato anche io un tiro di canna o chissà quale altra sostanza e di finire come lui magari (dato che so che a volte vedo facilmente come ho fatto per il primo tiro di sigaretta) dando così un dispiacere enorme alla mamma e a tutta la mia famiglia .
Grazie a questo incontro mi è passata la paura perché ogni volta che mi troverò davanti ad una qualsiasi droga o anche solo davanti ad una sigaretta ti penserò e dirò quel “no, grazie “ che magari avrebbe salvato il matrimonio dei miei e te e chissà quanti altri ❤️

E quando ricevi messaggi di questo genere da ragazzi di 12 anni che fai? Sorridi!!! 🤩“Giuro che lei mi ha migliorat...
15/12/2018

E quando ricevi messaggi di questo genere da ragazzi di 12 anni che fai?
Sorridi!!! 🤩
“Giuro che lei mi ha migliorato la vita!”

Si... io non smetto!! 💫Ogni volta vado come se dovessi parlare a uno solo e lo volessi coinvolgere nella mia vita. Ne...
14/12/2018

Si... io non smetto!! 💫

Ogni volta vado come se dovessi parlare a uno solo e lo volessi coinvolgere nella mia vita. Nella mia rabbia magari.
È il mio modo di amarli già prima di averli guardati negli occhi...

Non sprecare la tua vita, abbi cura di splendere!!! 💫
14/12/2018

Non sprecare la tua vita, abbi cura di splendere!!! 💫

13/12/2018

Assolutamente da non guardare!!!
Un video che non emoziona per niente.

La città ha risposto, eccome se ha risposto!! 300 meravigliose anime hanno partecipato all’incontro serale di Lugagna...
12/12/2018

La città ha risposto, eccome se ha risposto!! 300 meravigliose anime hanno partecipato all’incontro serale di Lugagnano.
La mattina ho incontrato i ragazzi di un istituto di Verona e al pomeriggio ho fatto una bellissima chiacchierata nella splendida libreria Jolly con ragazzi di 10 11 anni, le loro famiglie e le insegnanti. ♥️

Buona giornata amici ♥️ Mi trovate sul settimanale Tu Style 😊
11/12/2018

Buona giornata amici ♥️

Mi trovate sul settimanale Tu Style 😊

Ultimamente state rispondendo in un modo pazzesco agli incontri serali aperti alla cittadinanza... faremo il pienone anc...
10/12/2018

Ultimamente state rispondendo in un modo pazzesco agli incontri serali aperti alla cittadinanza... faremo il pienone anche stasera? Io ci conto!
Vi aspetto questa sera al teatro parrocchiale di Lugagnano (VR) alle 21.00 😊

Non smetterò mai di ringraziare il mio amico nonché giornalista Pablo Trincia per aver scritto la postfazione del mio ...
08/12/2018

Non smetterò mai di ringraziare il mio amico nonché giornalista Pablo Trincia per aver scritto la postfazione del mio nuovo libro #iononsmetto

Niente ti tiene più lontano dalla droga della testimonianza diretta di chi ci ha avuto a che fare. Nessuna campagna, nessuna lezione in classe, nessun documentario.

La voce, l'esperienza, gli occhi di chi è lì, a pochi passi da te, a raccontarti di come si è sentito la vita che gli scivolava via dalle mani per una semplice mezza pasticca avvelenata, te li porti dentro a lungo.

Giorgia Benusiglio lo sa bene. Per questo motivo non si affida ai social o alla tv, ma prende una macchina, un treno, un aereo, e da anni macina chilometri su e giù per la nostra penisola per portare la sua storia dentro a tutte le scuole, a tutte le sezioni, a tutte le classi.
Il suo motore sono gli sguardi, le domande, le reazioni delle migliaia di ragazzini che incontra, mentre la guardano dopo aver ascoltato atterriti il racconto di quella sera in cui ha rischiato di non tornare più indietro, lasciando una voragine nella sua famiglia e tra chi le vuole bene: gli amici, il locale, lo sballo, il disagio, il dolore, la paura di morire. E poi il trapianto, le cure, la fatica. E' un'esperienza che ti cambia la vita, e che molti scelgono di dimenticare e nascondere. Ma che lei ha scelto - con coraggio e senza vergognarsi - di condividere con grande entusiasmo con chiunque le stia intorno. Soprattutto con i ragazzi. Perché sa che è l'unico modo per far arrivare chiaro un messaggio fondamentale: dentro a una sostanza sconosciuta ci sono molti più rischi di quanto possiate immaginare. Pensateci: ne vale davvero la pena?

Spesso si sente parlare di giovani morti dopo aver assunto una dose di ecstasy o di chissà quale altra droga mischiata con veleno. Ma bisogna anche ricordarsi che per ogni tragedia di cui leggiamo sui giornali o sentiamo alla tv ci sono centinaia, migliaia di storie di cui non sentiremo mai parlare: quelle di persone che quella stessa sera hanno scelto di non mandar giù nessuna pasticca.

Perché negli occhi, nelle orecchie e nel cuore avevano ancora il racconto di Giorgia.

Alla quale, tutti noi, dobbiamo una profonda riconoscenza.

BEH CHE DIRE, A VOLTE BASTA COSÌ POCO♥️ Ti volevo ringraziare di cuore. Non sono un ragazzo da grandi parole.... Mo...
07/12/2018

BEH CHE DIRE, A VOLTE BASTA COSÌ POCO♥️
Ti volevo ringraziare di cuore. Non sono un ragazzo da grandi parole.... Molto spesso la gente mi chiama cuore di pietra perché sono freddo... In realtà reagisco solo a modo mio. Perciò ti chiedo in partenza scusa se viene fuori un messaggio strano.
Spesso con mia mamma ho un confronto..... a volte molto intenso. Io da adolescente "ignorante" non comprendo gli sbagli che faccio. Certe volte sto zitto e la guardo solo in faccia....
Spesso finisce con lei che si chiede dove abbia sbagliato..... Ed io ci sto malissimo perchè non riesco a capire dove sbaglio... Il problema e che con la mia arroganza le faccio male ma senza rendermene conto.
Ecco oggi mi sono focalizzato su questa cosa mentre ti ascoltavo parlare...
Oggi con mia mamma ho parlato serenamente. Le ho detto tutto e per una volta sono stato seriamente felice.
Una felicità più forte delle altre...
Grazie ❤

SI, IO NON SMETTO! QUESTI SONO I MESSAGGI CHE MI RIEMPIONO IL CUORE MA SOPRATTUTTO MI DANNO LA FORZA DI ANDARE AVANTI. O...
06/12/2018

SI, IO NON SMETTO!
QUESTI SONO I MESSAGGI CHE MI RIEMPIONO IL CUORE MA SOPRATTUTTO MI DANNO LA FORZA DI ANDARE AVANTI.
Oggi è un anno esatto che ho smesso, un anno esatto che le tue parole ogni giorno davanti alla tentazione mi tornano nella testa, un anno esatto che te sei entrata nella mia vita e non ne uscirai mai
Grazie ancora Giorgia❤💪

SE VOGLIAMO CAMBIARE LE COSE... CONDIVIDIAMO!!  Le sostanze psicotrope rendono schiavi i nostri giovani ed è necessario...
06/12/2018

SE VOGLIAMO CAMBIARE LE COSE... CONDIVIDIAMO!!

Le sostanze psicotrope rendono schiavi i nostri giovani ed è necessario capire che la prevenzione è la “via maestra” da seguire: un’azione preventiva di riduzione della domanda, che si traduca in un intervento sulla comunità nel suo insieme, affinché l’azione educativa coinvolga il più ampio numero di persone, partendo dai giovani, dagli adulti significativi e non soltanto dai gruppi a rischio.

Quando ormai i ragazzi sono entrati nel baratro della dipendenza, siamo infatti di fronte ad un fallimento: hanno fallito tutte le “agenzie educative” con cui il ragazzo è venuto a contatto. Occorre difendere i nostri giovani e fare di tutto per evitare questa caduta, intervenendo preventivamente attraverso percorsi educativi che possano offrire valori importanti, donando ai nostri giovani passioni per cui valga la pena vivere.

Oggi di droga si parla troppo poco, assente da ogni quotidiano e da ogni programma di qualsiasi partito politico, viene spesso circondata da un alea di normalità ed innocuità e se ne parla solo in seguito ad episodi di cronaca inquietanti: dobbiamo avere tutti coraggio e fare in modo che lo Stato lanci una nuova sfida educativa recuperando la centralità della relazione. Se non lo fa lo Stato, lo deve continuare a fare la società civile con l’aiuto della Chiesa da sempre sensibile al tema.

Per lottare contro le dipendenze serve accoglienza e una società che abbia il “coraggio di contagiarsi” nel supportare gli ultimi tra gli ultimi. Serve ricostruire rapporti autentici e non mediati: oggi le dipendenze non sono più solo verso una sostanza, ma anche verso un oggetto e un’attività e le parole d’ordine diventano quindi reciprocità e prossimità con i giovani. Nella crisi delle relazioni interpersonali c’è il motivo della fuga nei narcotici e il compito della società sta nell’aiutare a ricostruire la fiducia verso queste relazioni, orientando l’uomo su ciò per cui la vita va vissuta. La Chiesa con la Conferenza sulle droghe, a cui ho avuto l’onore di partecipare, si è fatta portavoce e strumento per parlare di droga e di contrasto alle dipendenze. Ora serve che lo Stato faccia la sua mossa, magari creando un tavolo permanente di studio e confronto.

Andrea Zirilli

https://www.varesenews.it/lettera/la-via-maestra-la-prevenzione/

Questa mattina, prima di incontrare i ragazzi di Codigoro...
05/12/2018

Questa mattina, prima di incontrare i ragazzi di Codigoro...

Questa mattina è stata ospite nei nostri studi Giorgia Benusiglio Quando aveva 17 anni ha rischiato di morire per una mezza pasticca di ecstasy ed è stata salvata grazie ad un trapianto di fegato. Da più di un decennio gira tra scuole, carceri, teatri e luoghi di incontro per sensibilizzare i giovani sul danno che può provocare l’uso di droghe. Giorgia Benusiglio - prevenzione droghe
Per riascoltare l’intervista potete cliccare sul link.
https://www.radiosound.it/podcast_77c25.html?pid=870&code=giorgiabenusiglio.mp3#tid192

..Ragazzi che imparano il privilegio e la fatica di essere unici. Che sanno accettarsi e accettare gli altri.Che scopron...
03/12/2018

..Ragazzi che imparano il privilegio e la fatica di essere unici. Che sanno accettarsi e accettare gli altri.Che scoprono il valore di passare dall’ammirazione per i pregi delle persone all’amore che ci vuole per avere a che fare con i loro difetti.
#iononsmetto

28/11/2018
Tagadà

Per chi non avesse avuto modo di vedere la puntata di Tagadà ecco il mio intervento 😉
Buon pranzo a tutti! ♥️

Ci vediamo domani alle 14.00 su tv 2000 per fare una meravigliosa chiacchierata con la bellissima Paola Saluzzi Chi è d...
27/11/2018

Ci vediamo domani alle 14.00 su tv 2000 per fare una meravigliosa chiacchierata con la bellissima Paola Saluzzi
Chi è dei nostri? ♥️

Domani ospiti a L'Ora Solare: il critico cinematografico Tonino Pinto che ci racconta Cary Grant. Giorgia Benusiglio - prevenzione droghe e il professore Giuseppe Savagnone ci parlano dei giovani e del rischio dipendenza dagli stupefacenti. Padre Gianluigi Pasquale su Santa Teresina di Lisieux. Alle 14 con Paola Saluzzi su Tv2000! ☀️

Ciao Giorgia, inanzitutto volevo farti i complimenti per la persona che sei, per la forza e la determinazione che hai. H...
27/11/2018

Ciao Giorgia, inanzitutto volevo farti i complimenti per la persona che sei, per la forza e la determinazione che hai. Ho sempre avuto un'idea fissa e chiara sulle droghe e sull'alcool, e grazie all'esperienza di oggi con te a teatro sono ancora più decisa e orgogliosa della mia opinione. Ti dico sinceramente che per me non è facile la vita di tutti i giorni, perché capita di uscire con amici che vogliono farti provare cose che io chiamo "letali", essere diversi dalla mentalità di tutti
E prendersi di conseguenza tante prese in giro ecc.
Nonostante tutto ciò io rimango con il mio pensiero, sempre. Ti ringrazio di cuore per essere venuta qui e ti abbraccio forte❤ non vedo l'ora di vedere il film ispirato alla tua storia...💪 mi raccomando non smettere mai💛💛💛

Questa mattina ho incontrato 900 studenti grazie all’Age di Schio. Questa è una delle tantissime lettere che ho ricev...
26/11/2018

Questa mattina ho incontrato 900 studenti grazie all’Age di Schio. Questa è una delle tantissime lettere che ho ricevuto da parte loro... Sono davvero una più bella dell’altra.

“Ciao Giorgia, scusa il disturbo ma volevo scriverti due parole per ringraziarti dell'incontro di questa mattina. È stata un' esperienza molto Interessante, grazie a te ho scoperto alcune cose nuove, tutte rese più chiare dal modo in cui le hai esposte e per come ti sei aperta con noi, per come ci hai raccontato le tue esperienze. Sono cose che ho apprezzato molto, soprattutto perché non tutti riescono a parlarne e questa cosa secondo me ti rende una persona con un carattere forte e determinato.
Ti auguro tutto il bene! E mi raccomando TU NON SMETTERE💪🏻”
#iononsmetto

Sono lusingata che mi abbiano dedicato uno spazio (chi sono e ciò che faccio) in questa bellissima pagina... Datele un ...
25/11/2018

Sono lusingata che mi abbiano dedicato uno spazio (chi sono e ciò che faccio) in questa bellissima pagina...
Datele un occhio perché merita davvero tantissimo 😍♥️

TORNA LA NOSTRA RUBRICA DELLA DOMENICA #VIAGGIOAMICI CON Giorgia Benusiglio!

“Il mio viaggio è cominciato 19 anni fa, con mezza pillola di ecstasy. Una serata in discoteca, quella mezza pillola e poi il trapianto al fegato. Da allora tutto è cambiato: è stato un nuovo inizio, l’inizio di un viaggio che non mi aspettavo di fare”. Ma Giorgia Benusiglio, nata a Milano nel 1982, da 12 anni ha deciso di trasformare quella ferita in una possibilità per i giovani.
“Ogni anno incontro 80mila ragazzi nelle scuole. E ho deciso di cominciare questa avventura perché era importante parlare con loro, ascoltare le loro fragilità, raccontare davvero come stanno e dire loro la verità, senza giri di parole”.
Giorgia nei suoi incontri in giro per l’Italia racconta tante storie, a cominciare dalla sua.
“Ogni giorno sono in una città diversa. Quando parlo ai ragazzi sono sincera, non uso giri di parole, racconto le storie di tanti ragazzi come loro. Perché non si pensa ai pericoli connessi all’uso delle sostanze, si pensa sempre che sia un problema di qualcun altro.
Allora racconto cosa può accadere davvero per ogni sostanza. Racconto di chi usando la cocaina ha perso le gambe o di chi come me ha una vita limitata a causa di quel trapianto”.
Limiti che Giorgia prova sempre a spingere oltre, ma con i quali deve fare i conti
quotidianamente.
“Subire un trapianto al fegato implica tante cose. Prima di tutto devo tenere presente che non ho tutto il tempo che vorrei: non più di 30 anni di vita dal trapianto ti danno i dottori.
Ecco, ne sono già passati 19. Ma questo non mi ferma, anzi, mi fa vivere con una energia moltiplicata ogni giorno. Do tutto il possibile e mi fermo solo quando è proprio necessario per la mia salute. Non solo: purtroppo i medicinali provocano altro. Dopo tre anni dal trapianto ho avuto un tumore alla cervice dell’utero, mi è sconsigliato avere figli, ho prodotto una malattia autoimmune, devo stare attentissima a ciò che mangio… Ma non mi
abbatto. Mi piace guardare sempre il bicchiere mezzo pieno e allora, per il figlio, stiamo pensando io e il mio compagno che potremmo adottarne uno, anche di età più adulta, così quando non ci sarò più avrà la forza di affrontare la mia perdita insieme a lui”.
Dopo un primo libro, “Vuoi trasgredire? Non farti” (San Paolo edizioni), ora ne è uscito un altro “Io non smetto – la vita è uno sballo” (Piemme) e a marzo uscirà nei cinema un film
“La mia seconda volta” (Dominus production).
“Un film che sarà un momento importante, perché lo abbiamo immaginato come
l’occasione per fare rumore, per richiamare l’attenzione sul tema della tossicodipendenza, sull’età che si abbassa e i pericoli che non sono solo quelli che ci raccontano quando si parla di una morte per overdose. Un film che vuole arrivare a 200mila ragazzi… E ci riusciremo!”.

Indirizzo

Via Romolo Gessi
Milan
20146

Notifiche

Puoi essere il primo a saperlo e lascia che ti invieremo un'email quando Giorgia Benusiglio - prevenzione droghe pubblica notizie e promozioni. Il tuo indirizzo email non verrà utilizzato per nessun altro scopo e potrai annullare l'iscrizione in qualsiasi momento.

Contatta l'azienda

Invia un messaggio a Giorgia Benusiglio - prevenzione droghe:

Video

Aziende Sanitarie E Di Bellezza nelle vicinanze


Altro Milan aziende sanitarie e di bellezza

Vedi Tutte